Disabili.com, ottobre 2004, recensioni, a cura di Vera Zappalà

La sindrome degli antenati

(Anne Ancelin Schützenberger, La sindrome degli antenati, 2004, Di Renzo Editore)

La Schützenberger, terapista ed analista con oltre 30 anni di esperienza, spiega e fornisce esempi clinici del suo particolarissimo approccio psicogenealogico alla psicoterapia. Siamo solo anelli in una catena di generazioni e può capitarci di non avere altra scelta se non quella di subire eventi e traumi dei nostri antenati. Il testo comprende affascinanti casi e numerosi "genosociogrammi", ovvero alberi genealogici che illustrano come, attraverso la storia della propria famiglia, è possibile comprendere le proprie paure, e le difficoltà psicologiche e fisiche, semplicemente scoprendo interessanti paralleli con i nostri avi. A questo punto qualcuno potrebbe sentirsi un po’ allarmato, perché viene profondamente minato il margine di libertà che ci è concesso nel decidere delle nostre vite. Eppure, c’è un qualcosa di estremamente rassicurante nel sentirsi parte di un progetto armonioso, che in ogni istante ci comprende e che in nessun modo ci impedisce di cambiare il corso degli eventi. L’unica vera risorsa, però, è la consapevolezza di ciò che stiamo vivendo e di ciò che, prima di noi, è stato vissuto.