Ansa, mercoledì 21 dicembre 2005, Notiziario Scienza e Tecnica

Libri: Viaggio nei musei della scienza, in oltre 900 tappe

ROMA, 21 dic (BG ) - Un viaggio che porta in tutta Italia, ma anche un viaggio nel tempo sulle orme della storia della scienza in 930 tappe: tante sono le istituzioni, tra musei, acquari, orti botanici ed erbari, planetari e science center interattivi, censite nel libro di Massimo Bozzo “I luoghi della scienza. Guida ai musei e alle raccolte scientifiche italiane”. (Di Renzo Editore). È il frutto di ricerche condotte per almeno 30 anni, sulla spinta un interesse per le radici storiche della scienza niente affatto comune in un giornalista, come Massimo Bozzo, abituato a seguire quotidianamente gli sviluppi recenti dei settori più all'avanguardia e di frontiera nel lavoro svolto presso il Servizio scientifico dell'Ansa, dove per 25 anni ha curato anche il Notiziario settimanale Scienza e Tecnica.
Ad alimentare la ricerca c'è stata anche la volontà di rendere più visibile un patrimonio unico al mondo e troppo spesso nascosto e difficilmente accessibile, se non addirittura ignorato. “L'Italia è il Paese che in assoluto al mondo ha il maggior numero di Musei dedicati alla scienza. Se a questi si aggiungono le centinaia di raccolte di università, ministeri, enti, scuole, società, istituti di ricerca e privati cittadini, la mole delle collezioni storiche conservate è veramente immensa. Purtroppo - scrive Bozzo - non è raro che un tale patrimonio sia malamente conservato, in stato di abbandono o, quantomeno, non fruibile nemmeno dagli studiosi”.
Sopralluoghi condotti in prima persona, ricerche sul web, indagini e documentazioni hanno portato Bozzo a elaborare, per ognuno dei 930 musei, una scheda che dà le informazioni su luogo e orari, oltre alla descrizione delle sale, delle raccolte e dell'eventuale attività didattica svolta: un totale di 15.000-20.000 informazioni contenute in tutto il libro.
Organizzata per regioni e facilmente consultabile attraverso l'indice alfabetico delle località, la guida comprende musei e raccolte di tutte le discipline, dall'astronomia all'etnografia, dall'aeronautica alla fisica, dall'archeologia industriale alle comunicazioni, e ancora mineralogia, paleontologia, zoologia. Una guida, scrive l'autore, che vuole essere “un invito, rivolto soprattutto ai giovani”, a visitare questi musei, “perché possano meglio comprendere le origini di invenzioni che oggi sembrano date per scontate e per suscitare in loro un interesse che potrebbe sfociare in una scelta professionale”.