Il Roma, venerdì 22 aprile 2005, Cultura

L’Occidente e l’Oriente uniti dalla spiritualità: Giordano Bruno lo aveva intuito nei suoi studi

Armida Parisi

La teoria della coincidenza degli opposti è uno dei capisaldi del pensiero di Giordano Bruno, il filosofo nolano condannato a morire bruciato sul rogo dall’Inquisizione agli albori dell’età moderna, nel XVII secolo.
Lo ritenevano un eretico perché rivendicava l’autonomia del pensiero in un’epoca in cui il dogma era sovrano. E proprio “La coincidenza degli opposti” (Di Renzo Editore) si intitola il nuovo libro di Guido del Giudice, il medico napoletano che a Giordano Bruno ha dedicato buona parte delle sue energie intellettuali al punto che ha persino realizzato un sito internet dedicato a lui.
Ma gli “opposti” di cui il libro tratta sono il pensiero occidentale e quello orientale, fondati sul razionalismo logico deduttivo il primo, su un approccio naturalistico intuitivo il secondo, e tuttavia tendenti – è questa la tesi di del Giudice – ad una reciproca interazione proprio negli studi di Giordano Bruno.
Passando infatti in rassegna i concetti-chiave delle religioni orientali, dal taoismo al buddismo, mediate dal sapere ermetico dei testi di alchimia e magia naturale, l’autore formula e discute con dovizia di argomenti un’ipotesi di lavoro assai suggestiva: quella secondo cui, indagando con onestà intellettuale ed acume spirituale il mistero della vita attraverso l’osservazione dei fenomeni naturali, non si può non giungere alla scoperta della loro matrice unitaria, divina, essenziale, sovrannaturale e immanente al tempo stesso. E ciò, naturalmente, indipendentemente dalla religione professata.
Perché molti, a ben vedere, sono i punti di contatto fra le diverse visioni che le religioni danno dell’esistenza. In particolare è l’individuazione dell’origine della vita in un principio unitario, “Eis kai monos”, “L’uno e il solo”, che accomuna la visione bruniana dell’anima mundi a quelle del Buddha e del Tao. “È dunque l’universo uno, infinito, immobile” afferma Bruno e scrivendo così, sembra riprendere e amplificare un pensiero noto in un’altra parte del tempo e dello spazio: “Vi è un essere dall’origine sconosciuta che fu avanti il cielo e la terra, non percepibile dai sensi e indeterminato; esso è la madre di tutto ciò che è. Non gli conosco nome. Lo indico con la parola principio” sentenzia Lao Tzu, che fa eco ai testi dell’induismo: “Oltre il potere della spada e del fuoco, oltre il potere dell’acqua e del vento, lo spirito è presente, onnipresente, immutabile, inamovibile e sempre Uno”: mentre i testi sacri del Veda parlano di un’unica anima universale, il Brahman, che si manifesta nell’universo attraverso diversi gradi di perfezione.
Corrispondenze tanto evidenti da non poter essere casuali. Del Giudice ipotizza che la conoscenza delle religioni orientali, da parte di Giordano Bruno, sia avvenuta progressivamente, attraverso la mediazione degli scritti di Ermete Trimegisto, che costituivano la sua chiave di accesso alla pratica alchemica.
Il libro sarà presentato oggi alle 16 all’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, dove, oltre all’autore, interverranno Michele Ciliberto e Aniello Montano, entrambi ordinari di Storia della filosofia.