Corriere dell'Irpinia, venerdì 22 aprile 2005, Cultura

Il Bruno di del Giudice tra Oriente e Occidente

Stefania del Gaizo

È un'analisi del filosofo nolano che va al di là dei territori tradizionali quella che propone Guido del Giudice nel suo "La coincidenza degli opposti", Di Renzo Editore. Un'analisi che sceglie di partire dai rapporti tra Giordano Bruno e la cultura orientale, prendendo le distanze dal contesto culturale occidentale. Ad interessare Del Giudice, appassionato bruniano, non è tanto il martire della libertà, quanto il filosofo capace di fondere scienza ed essoterismo, nel rispetto della teoria dei grandi iniziati dell'umanità che sembra rintracciare una sorta di continuità nella dottrina esoterica. Così non è strano ritrovare in filosofi appartenenti ad epoche diverse, visioni della realtà profondamente affini. Scrive Ciliberto nella sua bella prefazione: «Sarebbe troppo facile dire che sullo scrittoio di Bruno non c'erano né testi buddistici né scritti di Lao tse. Resta il fatto che queste assonanze ci sono e non solo sul punto della metasomatosi, che è il più ovvio. Esistono sintonie più profonde che riguardano anzitutto il concetto di divino e quel caposaldo teorico che è il concetto bruniano di materia. Sono sintonie e assonanze che pongono complessi problemi di ordine teorico, con i quali si sono misurati pensatori come Cassirer e Aby Warburg....Pongono anzitutto il problema di quelle che si potrebbero definire strutture trascendentali del pensiero umano, dalle quali sgorgano sintonie e assonanze di ordine filosofico o religioso che prescindono dalle fonti tradizionalmente considerate».
«Al di là del tempo e dello spazio, dunque,
- scrive Del Giudice - Giordano Bruno si pone a colloquio con Pitagora ed Eraclito non meno di quanto le sue idee si confrontino con i bramani o i padri del taoismo». Il riferimento è alle correnti del pensiero orientale più intuitive e mistiche, secondo cui l'intelletto umano non può mai arrivare a comprendere il principio, il Tao.
Consonanze, quelle esistenti tra Bruno e la filosofia orientale, sia essa indiana o cinese, che appaiono ancora oggi misteriose se è vero che tracce del pensiero orientale poterono arrivargli filtrate soltanto attraverso le opere dei filosofi greci. Si va così dalla concezione monistica che individua un Principio comune, malgrado l'esistenza di divinità multiformi, alla fede nella metempsicosi, fino al concetto di ascenso e descenso che vede l'Uno, il Principio, scaturire dalla moltitudine dei contrari. O ancora la riscoperta dell'Egitto ermetico, che gli appare civiltà favolosa, "sedia e colonna del cielo", depositaria di quel panteismo traboccante da cui deriverebbero tutti gli altri culti.
Ad impreziosire il volume la copertina firmata da Felice Storti che pare celebrare con colori e forme il matrimonio di Oriente e Occidente.
Il libro sarà presentato questo pomeriggio, alle 16, a Palazzo Serra di Cassano a Napoli dal professore Michele Ciliberto, ordinario di storia della filosofia presso la facoltà di lettere dell'Università di Pisa e il professore Aniello Montano, ordinario di storia della filosofia all'Università di Salerno. L'iniziativa è promossa dall'Istituto Italiano per gli studi filosofici.