Il Torchio, n. 16; gennaio – aprile 1999, pag 17

Entropia e informazione


Sono due concetti correlati. Pensiamo alle idee che abbiamo in mente, tutte confuse e che necessitano di un grande processo ordinativo perché abbia un senso quello che vogliamo dire. Pensiamo anche all’atto dello scrivere. Man mano che lettere dell’alfabeto si uniscono per formare delle parole, e queste per formare una frase con un senso compiuto, pensate attraverso quale processo ordinativo sono dovute passare. E se pensiamo ad una persona con idee confuse, un malato psichiatrico, che parla a vanvera? Anche in questo caso occorrerà un processo ordinativo perché egli possa ridare al suo pensiero un certo ordine. Ecco quindi che il concetto di entropia e di energia negativa assumono un significato interessante perché si possa acquisire una corretta informazione.

Un bel libro appena pubblicato (Irreversibilità, entropia, Informazione di Olivier Costa De Beauregard – Di Renzo Editore – traduzione di Giuseppe Arcidiacono e Sante Di Renzo) affronta con grande maestria questi aspetti, peraltro già affrontati dal nostro scienziato Luigi Fantappié e dai suo allievi Giuseppe Arcidiacono e salvatore Arcidiacono.

G. Cipressi