Il Torchio, gennaio-aprile 1999, pag. 17

Qual è la scientificità della sintropia?

Maria Castaldi

Ultimamente si parla sempre più spesso di sintropia, un concetto paragonabile alla negentropia, cioè una entropia negativa. Con questo termine si intende un processo caratterizzato dalla nascita dell’ordine. Ne hanno discusso molti scienziati, italiani e stranieri. Tra questi Olivier Costa De Beauregard e, in modo più diffuso, Luigi Fantappié, poi Giuseppe Arcidiacono e Salvatore Arcidiacono. Si ha l’impressione che sono in primo luogo gli psicologi e altre persone prive di una solida base scientifica che sono attratti da questo specifico concetto. Sì, perché a voler analizzare a fondo tutto quanto detto intorno alla sintropia, ci troviamo poco di scientifico. È vero che in un organismo che nasce, l’ordine aumenta, ma qual è il disordine che si crea intorno a lui per determinare questo ordine? Il secondo principio della termodinamica in ultima analisi, almeno per questo concetto, non può essere messo affatto in discussione.
Dobbiamo dare merito comunque a Di Renzo Editore che ha avuto il coraggio di pubblicare questi libri, anche se a volte alcuni concetti sembrano non propriamente scientifici.