Il Segnalibro, n. 2, aprile 1996, Scienze

Una vita tra le stelle

(Margherita Hack, Una vita tra le stelle, Di Renzo Editore, Roma)

Coma dice la stessa autrice, nella prefazione, il volume non vuole essere “un’autobiografia, ma la raccolta di alcuni ricordi sollecitati dall’intervistatrice Fiorella Operto. Sono cinquant’anni di vita vissuta negli osservatori astronomici, dove ho assistito e partecipato ad un cambiamento profondo nel modo di lavorare, grazie ai progressi teorici e tecnici”. Il libro, dunque, mentre offre un quadro aggiornato sino ad oggi dell’astronomia a livello mondiale, grazie alla forma dialogica, si presenta con un’immediatezza che in un saggio sarebbe forse andata persa. Particolarmente interessante il capitolo introduttivo, in cui tra l’altro apprendiamo che la Hack è nata in una strada che faceva anglo con via Cento Stelle e che, quando aveva tre anni, la sua famiglia si è trasferita in via Leonardo Ximenes, astronomo. “Io non credo nella predestinazione – sostiene l’autrice – e considero ciò soltanto una buffa coincidenza”. Sarà, però...