Prisma n. 9, settembre 2006

Il Premio Nobel a un Italiano?

Ho trovato il primo libro divulgativo di Giorgio Parisi, La chiave, la luce e l'ubriaco (Di Renzo Editore), molto interessante. Si capisce subito che si muove su un livello alto della conoscenza della materia: bastano due parole e si entra immediatamente nel modo fantastico della fisica. Proprio come Enrico Fermi con il suo piccolo libro sulla Termodinamica. Insomma, chi conosce a fondo l'argomento ci offre il distillato senza necessità di arricchire la comunicazione per nascondere incertezze e ignoranza.
Ho anche appreso che Giorgio Parisi è uno dei candidati al Premio Nobel. Sarebbe fantastico, anche perché è uno dei pochi che ha deciso di restare in Italia, senza rimpianti, tirandosi su le maniche e mettendosi a lavorare con i pochi mezzi a disposizione.
Complimenti a questo genio della fisica. Speriamo che sia di esempio a tanti giovani che vogliono entrare nello stesso mondo.