Almanacco della Scienza, n. 16 del 22 settembre 2004, In libreria

Astronomia: la disciplina che piace ai giovani

Alessandro Sandorfi

(La Lucciola e il riflettore, Alla scoperta del mondo intorno a noi, Martin Rees, Di Renzo Editore)

“L’umiltà di fronte alle incognite persistenti è la vera filosofia che la fisica moderna ci deve offrire”: parola di scienziato. A scrivere è uno dei più importanti astronomi e cosmologi di fama internazionale, Sir Martin Rees, professore emerito di Cambridge e membro della Royal Society Research.
La sua ultima fatica, “La lucciola e il riflettore” è una miniera di informazioni. Si ripercorrono le tappe più importanti della scienza da Isaac Newton, faro illuminante per intere generazioni di studiosi, ad Einstein, passando per le sorprendenti scoperte degli anni sessanta, fino ad arrivare alle conquiste dello spazio degli ultimi anni. Rees parla di “Astronomia popolare” e di come questa disciplina sia riuscita a riscuotere l’attenzione e l’attrazione anche dei non addetti ai lavori. L’astronomia viene vista come priva di connotazioni negative e come una disciplina che raccoglie il consenso anche dei più giovani, sui quali lo spazio esercita un fascino “magnetico”. Il libro di Rees non è solo un glossario scientifico ricco di informazioni. È anche un’analisi attenta e acuta di quanto l’uomo sta compiendo sulla terra e di quali saranno i frutti che raccoglierà nei prossimi anni.