diario, n. 35, settembre 2004, pag. 60

Dove va la Russia

Margherita Belgiojoso

(Boris Kagarlitsky, Dove va la Russia, Di Renzo Editore)

Cosa racconta: Una voce della sinistra russa racconta la sua vita dagli arresti per attività antisovietiche a quelli per attività filosovietiche sotto Eltsin. Humour, cinismo e molti paradossi.
Come inizia: «Credo di appartenere a tutti gli effetti alla generazione e all’ambiente moscovita, d’intellettuali russo-ebrei, degli anni Cinquanta. La mia famiglia viveva nella zona di Aeroport, il quartiere intellettuale di Mosca: una specie di Greenwich Village, una delle tipiche cooperative che i sovietici avevano creato artificialmente, per riunire tutti gli scrittori e i registi e tenerli...».