Indicazioni editoriali n. 7, 2006

Climatologia e origine delle religioni

(Hideo Suzuki, Di Renzo Editore)

Questo libro che ho scoperto solo ora, non parla delle religioni in senso tradizionale, ma tenta di capirne le origini. Uno studio condotto con un forte senso scientifico che illumina sulle scelte che i nostri avi sono stati inconsciamente quasi costretti ad accettare. Le differenze tra Est ed Ovest, che esistono nella vita di tutti i giorni, hanno la loro origine nelle grandi concezioni filosofiche, religiose e nei paradigmi culturali. Questi, secondo l'Autore, sono basati, dalla parte orientale, sulla logica del Lemma, propria della cultura buddista e, dalla parte occidentale, su quella del Logos, tipica del pensiero giudaico cristiano. Secondo il Lemma orientale, non esistono A e non-A in quanto entità separate (bene-male, uomo-donna, madre-figlio), come "pensa" l'Occidente, ma A può esistere solo grazie all'esistenza di non-A: non esiste bene senza male né uomo senza donna né vita senza morte. Tutte le cose coesistono. La filosofia buddista esprime questo concetto con la frase "tutto è vuotezza". Secondo il pensiero occidentale, le cose sono separate, anzi, "sono", mentre secondo il pensiero del Lemma, le "cose" non sono perché "diventano".
L'Autore, noto studioso di geografia e di paleoclimatologia, colloca l'origine delle differenze tra il pensiero dell'Est e dell'Ovest nel contesto della grandi migrazioni di popoli causate dai drammatici cambiamenti climatici che ebbero luogo intorno a 3500 fa, quando si formarono i nuclei dei due paradigmi: il "pensiero del deserto", proprio dell'Occidente e il "pensiero della foresta", tipico dell'Oriente.
Dall'analisi della necessità da parte dei popoli di adattarsi all'ambiente circostante per sopravvivere, Suzuki suggerisce l'origine delle differenze di caratteristiche non solo somatiche ma anche psicologiche, storiche, antropologiche tra l'Est e l'Ovest (tra cui la mancanza di originalità dei Giapponesi) nel tentativo di approfondire un dialogo Est-Ovest che è appena agli inizi.