ISI . Dicembre 2005 –Anno XVIII, N. 12

Visioni del mondo


Ciascuno di noi ha una visione del mondo che ha dedotto dalle letture fatte, dalle proprie esperienze, da sensazioni, da credenze vaie e chissà da quanti altri fattori. Quando poi sono gli scienziati a proporci una propria visione del mondo, stiamo tutti attenti convinti che quanto più lo scienziato in questione si occupa di scienza pura, maggiormente sono credibili. Il fascino che si è sviluppato e che si sta sviluppando intorno a Luigi Fantappié e al suo allievo Giuseppe Arcidiacono è decisamente alto, almeno in questi ultimi tempi. Forse ciò ha indotto Di Renzo Editore a pubblicare un libro del grande Giuseppe Arcidiacono, Fantappié e gli Universi. Questo matematico partendo dalla teoria dei funzionali analitici, giunge a formulare una teoria unitaria dove riunisce i fenomeni fisici e biologici, introducendo nella scienza il finalismo. A oltre cinquanta anni dalla sua scomparsa le intuizioni di Fantappié rivestono una importanza sempre più rilevante, specialmente per quanto concerne il rapporto tra ordine e disordine, informazione.

L.A.